ARCHIVI DI RICERCA MAZZINI

Cultura materiale rivolta alle aziende di settore, agli enti culturali, alle scuole e ai liberi professionisti della moda, gli Archivi di Ricerca Mazzini sono una realtà in continua evoluzione che guarda al futuro nella volontà di perseguire obiettivi di sviluppo sempre nuovi.

Gli Archivi di Ricerca Mazzini nascono dalla passione del loro fondatore, Attilio Mazzini, il quale dalla fine degli anni settanta inizia a collezionare abiti e accessori. È, però, nel corso degli anni ottanta e novanta dello scorso secolo che la raccolta si arricchisce notevolmente: in quei decenni, infatti, matura in lui l’idea di collezionare i pezzi più rappresentativi delle collezioni di moda, al fine di noleggiarli per lo studio stilistico.

Oggi – organizzati in funzione della consultazione e suddivisi in tre settori differenti: design (capi storici e contemporanei dall’alto contenuto stilistico), vintage tecnico (capi militari, del workwear, dello sport e del denim) e accessori. La collezione è continuamente rifornita e riorganizzata nel suo duplice scopo: da un lato è utilizzata per la consulenza agli addetti ai lavori che la consultano regolarmente, dall’altro è resa disponibile alla ricerca e alla formazione universitaria.

Frutto di un innovativo progetto culturale rivolto alle aziende di settore, agli enti culturali, alle scuole e ai liberi professionisti della moda, gli Archivi di Ricerca Mazzini sono una realtà in continua evoluzione che guarda al futuro nella volontà di perseguire obiettivi di sviluppo sempre nuovi.